Cosa fa un Consultorio Familiare oggi?

Che cos’è un consultorio familiare?
E’ un ambiente “amico” dove si possono trovare specialisti (psicologo, mediatore familiare, legale, pedagogista, assistente sociale, ginecologo, pediatra, consulente etico, insegnante metodi naturali della regolazione della fertilità) in grado di ascoltare i diversi problemi che singoli, coppie, famiglie, fidanzati, adulti, giovani, adolescenti e bambini si trovano ad affrontare e di proporre possibili soluzioni.

Quali sono i problemi che più frequentemente vengono affrontati?
I problemi che possono toccare le persone nelle loro diverse fasi di vita sono molteplici. 
Ad esempio, per una coppia può essere un problema di comunicazione, di comprensione dei ruoli, di intesa, di condivisione di responsabilità, di difficoltà di dialogo con le famiglie d’origine.
Per una famiglia, ci sono spesso problemi di relazione tra genitori e figli; c’è la difficoltà da parte dei genitori di accompagnare la crescita dei figli verso l’autonomia, e dall’altra parte dei figli di capire il ruolo dei genitori.
Quando una coppia entra in crisi, c’è da “imparare” la capacità di gestire i conflitti; se ci sono i figli c’è la necessità di capire che essi non devono essere il terminale di tutti i problemi, rancori, incomprensioni.
Per una coppia di fidanzati, il consultorio può essere utile per imparare a vivere in modo consapevole e responsabile il rapporto affettivo, anche nella componente sessuale.
Per un giovane, il consultorio può essere utile nell’aiutarlo a inserirsi nella società e a responsabilizzarlo davanti alla scelte che deve fare.

Al consultorio si fa solo consulenza o anche attività di formazione?
L’attività di consulenza è solo una parte, seppur importante, dell’impegno dei vari specialisti presenti in consultorio. Infatti, grande importanza viene data a tutta una serie di iniziative rivolte alla formazione, all’educazione, alla prevenzione, attraverso l’organizzazione, sia presso la sede che presso scuole, parrocchie, associazioni, di corsi, seminari, laboratori.
Ad esempio, alcuni settori che vedono maggiormente impegnati i consultori sono quelli dell’educazione sessuale, che spesso, sia per l’età dei ragazzi interessati che per il coinvolgimento delle famiglie, si preferisce chiamare corsi di educazione all’affettività.
Altri ambiti di interesse, con diversificazione a seconda anche delle esigenze del territorio, sono le attività nell’ambito dell’età adolescenziale, della preparazione al matrimonio, della regolazione naturale della fertilità, dell’educazione prenatale, della promozione alla genitorialità, della formazione degli animatori.

Chi si può rivolgere al consultorio?
Tutti, senza alcuna distinzione. 
Di solito, per i ragazzi fino ai 14 anni gli appuntamenti devono essere fissati dai genitori.

Quanto costa?
Il servizio di prima consulenza è completamente gratuito. 
In alcuni consultori, per alcuni particolari tipi di interventi prolungati può essere richiesto un ridotto contributo economico.

Piero Dalle Vedove
Presidente Consultorio Familiare Verona Sud